martedì 11 maggio 2021

Ciao,

7 Aprile 2021

di Jessica Berra

Inizia il trimestre: Maxicedola sui petroliferi in arrivo

Il certificato di UniCredit con Isin DE000HV4KYV2 e sottostanti Eni, Repsol e Tenaris offre all’investitore un Maxicedolone incondizionato del 14,4%, previsto tra soli due mesi, con pagamento al 24 di giugno. Durata tre anni con possibilità di rimborso anticipato trimestrale a partire da settembre e scadenza naturale a marzo 2024. Oggi il prodotto quota lievemente sotto la pari a 99 euro.

2 Marzo 2021

di La redazione

L’oro nero si infiamma, ecco il certificate per approfittarne

Il petrolio ha recuperato le perdite e continua a salire in un ambiente dominato dalle aspettative di forte accelerazione dell’economia globale. In un quadro di questo tipo Bnp offre un’opportunità di investimento molto interessante. E’ il certificate a codice Isin XS2221235422 e con sottostante Eni. Il prodotto è stato emesso a un valore nominale di 100 euro e lo si compra sul mercato a 71,7 euro. Al momento dell’emissione è stato fissato un prezzo di riferimento di Eni di 14 euro con una barriera al 70%. Possibile un rendimento del 38% in meno di due anni.

24 Luglio 2020

di Elisa Mazzotta

Oil company al test delle trimestrali

Le grandi società del settore sotto la lente degli analisti per i conti degli ultimi mesi, quelli più colpiti dalla pandemia di Covid-19. Nonostante siano previste perdite record, gli esperti continuano a indicare una graduale ripresa delle compagnie per i prossimi trimestri. In questo scenario, può essere proficuo approcciare il settore con un certificate per estrapolare rendimento anche nel caso in cui i titoli dovessero registrare ribassi moderati in Borsa. Tra quelli disponibili sul mercato, abbiamo selezionato un prodotto di Exane con Isin FREXA0024309 con sottostanti Eni, Bp ed Exxon Mobil. Il certificate ogni mese stacca premi condizionati pari a 4 euro (48 euro annui al lordo delle imposte), se i sottostanti non perdono oltre il 35% del livello iniziale. Il prodotto oggi quota sotto la pari a 777 euro. Se già a settembre il prodotto dovesse scadere anticipatamente, al prezzo di acquisto attuale, l’investitore beneficerebbe di un guadagno potenziale del 30%.

9 Luglio 2020

di Elisa Mazzotta

Oil company, ecco come gestire il taglio dei dividendi

Il previsto calo dell’operatività nei prossimi mesi ha convinto alcune aziende a ridurre o a sospendere la distribuzione delle cedole. Un problema per gli investitori che basano la propria strategia di investimento sui rendimenti forniti dai dividendi. In questo contesto spostarsi su un certificate offre una maggiore probabilità di continuare a ricevere premi mensili. Interessante è il Crescendo Maxicedola di Exane, Isin FREXA0024309 che ha come sottostanti Eni, Bp ed Exxon Mobil e ogni mese stacca premi condizionati pari a 4 euro (48 euro annui al lordo delle imposte), se i sottostanti non perdono oltre il 35% del livello iniziale. Il prodotto oggi quota sotto la pari a 783 euro. Se a settembre il prodotto dovesse scadere anticipatamente, al prezzo di acquisto attuale, l’investitore beneficerebbe di un guadagno potenziale del 29,2%.

7 Maggio 2020

di Gianluca Parenti

Petrolio: il prezzo negativo è stato un abbaglio, per l’EIA risalirà a 42 dollari. Opportunità con i certificati

Il Crescendo Maxicedola di Exane, Isin FREXA0024309 su Eni, Bp ed Exxon Mobil scadrà a marzo 2023 stacca premi mensili di 4 euro (6,5% annualizzato) con effetto memoria e possibilità di rimborso anticipato da settembre 2020. Il prezzo del prodotto è molto vantaggioso in quanto quota sotto la pari a 733 euro e se non cadono ancora i sottostanti (barriera a -20% per Bp) il certificate verrà ritirato a scadenza a 1000 euro.Tra cedole e capital gain la performance finale può superare il 50%.

16 Aprile 2020

di Elisa Mazzotta

Accordo a metà sul greggio. Per ripartire bisogna aspettare la fine del lockdown

Il Cash Collect emesso da Société Générale con ISIN XS2112742809 e sottostante Eni stacca cedole trimestrali condizionate del 2% pari all’ 8% lordo annuo (sul valore nominale di 100 euro) e protegge l’investimento fino a un calo del 30% del titolo. Il certificate oggi passa di mano sotto la pari a 96 euro.

24 Marzo 2020

di La redazione

Oil company a questi prezzi le occasioni non mancano

Taglio di investimenti, stop a programmi di buy back e una posizione finanziaria solida traghetteranno il comparto oil fuori dalla crisi, ma non per tutti sarà uguale, Vediamo chi saranno i vincitori e vinti di questi crisi

9 Marzo 2020

di Elisa Mazzotta

Petrolio nell’occhio del ciclone

Scontro russo-saudita: quotazioni del greggio a picco, mai così male dalla prima guerra del Golfo. Ecco cosa pensano gli analisti.

21 Febbraio 2020 09:50

di Jessica Berra

Borse europee deboli. In discesa anche il prezzo del petrolio

Primo ribasso dopo otto sedute positive per il greggio. Sembra che l’Arabia Saudita non sia riuscita ad ottenere la convocazione di una riunione straordinaria dell’Opec+ prima del meeting già fissato da tempo per il 5-6 marzo.

20 Febbraio 2020 10:16

di La redazione

Borse europee in calo. Nuovi massimi di periodo per l’oro

Nelle ultime settimane i nuovi record delle Borse sono andati a braccetto con la corsa agli acquisti dei metalli preziosi. Le quotazioni del metallo giallo hanno toccato i nuovi massimi dal 2013 a 1.613 usd l'oncia

19 Febbraio 2020 09:40

di Jessica Berra

Borse europee positive. Anche Tokyo chiude in rialzo

Il governo cinese si muove per limitare l'impatto negativo sull'economia domestica. Pechino starebbe studiando un piano di sostegno al settore del trasporto aereo, fortemente penalizzato dallo stop alla circolazione

17 Febbraio 2020 09:38

di Jessica Berra

Borse in rialzo: Pechino promette tagli fiscali e nuova liquidità

L'indice delle nostre blue chip ha ampliato la performance da inizio anno a +5,8% rompendo l'area discriminante a 24.500 punti. Ottima la performance delle banche che totalizzano un +0,7% su base settimanale, consolidando un +11,4%, sui top da maggio 2018.

12 Febbraio 2020 09:40

di Jessica Berra

Borse asiatiche positive, rallenta il contagio da coronavirus. In rialzo anche il greggio

Il virus scoppiato a Hubei, da ieri denominato COVID 19, sembra essere risultato positivo alla molecola sintetizzata dalla società farmaceutica cinese BrightGene in grado di produrre la molecola del principio attivo del remdesivir, il farmaco sperimentale californiano in grado di curare le influenze più critiche e letali, come la Sars.

11 Febbraio 2020 10:02

di Jessica Berra

Borse europee positive. Sesto rialzo consecutivo per la Borsa cinese

Malgrado le legittime preoccupazioni per l'epidemia di coronavirus, le cifre del contagio vengono lette dai mercati come un’anticipazione dell’arrivo di nuovi aiuti e stimoli monetari da parte delle banche centrali. Le prime conferme dei "soccorsi" di natura finanziaria potrebbero arrivare già oggi pomeriggio, con l’intervento di Jerome Powell al Congresso Usa

7 Febbraio 2020 09:34

di Jessica Berra

Borse europee in lieve calo. Ieri ottima performance del FtseMib

L'indice di settore italiano sta per chiudere la miglior settimana degli ultimi tre anni con un parziale di +11%. Intesa e Unicredit hanno battuto le attese e stamattina anche Banco Bpm ha fatto altrettanto annunciando il ritorno al dividendo dopo 4 anni di magra.

6 Dicembre 2019 12:31

di Jessica Berra

Opec+ verso un taglio della produzione. Fari ancora accesi su Moncler

Borse europee positive con l'indice EuroStoxx 50 +0,3%. Passo avanti nelle trattative Usa-Cina, il portavoce del ministro del Commercio pala di nuovi progressi. A Vienna i maggiori produttori di greggio sono vicini a un accordo per il taglio della produzione. Moncler ancora sugli scudi, non si spegne la speculazione dopo i rumors di ieri circa un interesse da parte di Kering e Fidentiis alza il target sul titolo.

2 Dicembre 2019 09:46

di Jessica Berra

Inizio di dicembre positivo per le Borse europee

Inizio di settimana positivo per l'Europa, con l'indice EuroStoxx 50 +0,19%. Dax +0,27%, Parigi +019%. FtseMib (23.302, +0,19%). Nove mesi positivi su undici per l'indice delle principali blue chip di Piazza Affari.

26 Novembre 2019 09:18

di Jessica Berra

Powell annuncia un no al taglio dei tassi

Mattinata piatta per le Borse europee con l'indice EuroStoxx 50 a -0,1%, FtseMib (23.472, +0,08%), a Francoforte il Dax sale a -0,05%, Parigi -0,07%.

15 Novembre 2019 11:22

di Elisa Mazzotta

Saipem corteggia la norvegese Subsea 7

Interessante il certificate di Unicredit con Isin DE000HV45R38 che stacca una maxicedola certa del 9% a dicembre, poi si passa a cedole semestrali del 2,9% (5,8% annualizzate) se i due sottostanti Eni e Saipem non perdono il 25% dal livello iniziale. Possibilità di rimborso anticipato tra un anno...