16 Settembre 2019

Attacco all’Arabia Saudita, vola il greggio

di Elisa Mazzotta

Il certificate di Unicredit con Isin DE000HV45R38 punta su due big del comparto italiano, Eni e Saipem, stacca una maxicedola incondizionata del 9% a dicembre, poi si passa a cedole semestrali del 2,9% (5,8% annualizzato) se i sottostanti non perdono oltre il 25%. Possibilità di rimborso anticipato tra un anno.

 

Comunicazione di marketing

Disastroso attacco agli impianti petroliferi dell’Arabia Saudita. Il prezzo del greggio vola, con il future su Brent (66,60 usd) e quello sul Wti (60,10 usd) in rialzo di quasi il 10%. Si tratta di una delle variazioni giornaliere più ampie degli ultimi tre anni. In avvio delle negoziazioni, il guadagno era arrivato addirittura a sfiorare il +20%, un incremento in apertura mai visto da quando esiste questo mercato (1988).

Con un attacco agli impianti in Arabia, i ribelli Houti dello Yemen hanno fatto saltare il 5% delle forniture mondiali di greggio. La compagnia petrolifera Saudita, Saudi Aramcom, prevede di ripristinare entro oggi il 30% della fornitura petrolifera quotidiana. I due siti attaccati sono stati quello di Abqaiq, che dispone del più grande impianto di lavorazione di petrolio al mondo, e quello di Khurais.

Il mercato teme una pericolosa escalation nelle tensioni geopolitiche. Gli Houti non dovrebbero aver fatto tutto da soli, vista la…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play