29 Ottobre 2021

BANCO BPM -7% DTA (imposte differite attive) estese a giugno 2022 ma con un cap a 500 milioni

di La redazione

lo scrive Il Corriere

 

Comunicazione di marketing

Banco -7% e BPER Banca -6,8% sono tra le peggiori blue chip di oggi.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Disegno di Legge recante il Bilancio di previsione dello Stato per il 2022.

È stata prorogata la possibilità di trasformare le DTA (deferred tax asset) in crediti di imposta fino al 30 giugno 2022 in caso di M&A con la medesima percentuale ma con un tetto massimo per singola operazione; secondo il testo pubblicato da Il Corriere l’ammontare trasformabile è uguale ad un ammontare complessivo non superiore al minore importo tra 500 milioni di euro e il 2% della somma delle attività dei soggetti partecipanti alla fusione o alla scissione, come risultanti dalla situazione patrimoniale di cui all’articolo 2501-quater del codice civile, senza considerare il soggetto che presenta le attività di importo maggiore

Parere analisti

Riteniamo la notizia negativa per il settore in caso di conferma.

Secondo le nostre stime le…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play