18 Febbraio 2021

Fintech&filiali: connubio tra nuova e vecchia finanza nel Nord Est

di Fabrizio Barini

Ma non è un ritorno alla "sportellite", dice Giovanni Bossi, l'animatore dell'iniziativa

 

Lo sportello bancario, purché rivisto e corretto, ha di fronte a sé una nuova vita, a dargliela è il fintech.

L’operazione tra Banco delle Tre Venezie e Cherry 106 annunciata questa settimana, non porterà a traumatici ribaltoni verso l’online, le quattro filiali dell’istituto di credito specializzato  nelle aziende locali, resteranno aperte e continueranno a essere il riferimento nel mondo reale del cliente bisognoso di servizi. “Non è un ritorno della sportellite, l’allucinazione che ha portato le banche tradizionali a vedere nella filiale l’unico ambito di contatto con il cliente – afferma Giovanni Bossi, il fondatore di Cherry 106 destinato a diventare il nuovo amministratore della società risultante dall’aggregazione –  l’home banking resta centrale, ma non tutto si può portare su Internet, non si può standardizzare ogni cosa, soprattutto quando il riferimento è il mondo corporate, bisognoso di un’attenzione più attenta…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play