16 Marzo 2020

Il Bazooka della Fed non basta ecco perché

di Matteo Battaglia

Powell scende in campo ancora una volta, ma la reazione dei mercati non è confortante. Analizziamo la situazione insieme ad Antonio Cesarano, strategist di Intermonte Sim.

 

Sono momenti eccezionali come non se ne vedeva dal 2008. La Federal Reserve interviene due volte a sorpresa, in poche settimane. L’ultima ieri, domenica notte con un colpo di artiglieria pesante. Ma ancora non basta, le Borse sono tutte in profondo rosso.

Chiediamo ad Antonio Cesarano, strategist presso Intermonte advisory ed economista di lunga fama che ha già analizzato crisi simili dei mercati, qual è il suo pensiero sull’attuale situazione.

L’intervento della Fed sembra spaventare più che rassicurare i mercati eppure le misure messe in campo paiono mastodontiche. Perché Jerome Powell ha deluso?

Mastodontiche? Tutt’altro. La Fed avrebbe dovuto annunciare un pacchetto triplo di quanto ha dichiarato nella notte! Una cosa è vera, sembra di essere nel novembre 2008, con riunioni notturne dei massimi vertici monetari, ma i numeri da allora ad oggi sono profondamente cambiati. Bisogna confrontarsi con la realtà attuale. Il Pil americano ora viaggia…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play