9 Marzo 2021

Il petrolio ritrova stabilità: il certificate di Unicredit la mette a frutto

di La redazione

Lo strumento legato a tre grandi nomi dell’industria dell’energia mondiale paga in giugno una super cedola di 14,4 euro, qualsiasi siano i prezzi dei sottostanti. A seguire, premi condizionati di un euro ogni tre mesi.

 

Comunicazione di marketing

Investire sul petrolio? Bravo chi l’ha fatto negli ultimi sei mesi, perché ha potuto beneficiare di un rialzo del Brent del 62%. Si trattava di scommettere sulla riuscita dei vaccini e sulla capacità delle principali economie del mondo di ripartire di slancio. E non era una scommessa scontata. Oggi che il greggio è risalito ai livelli dove si trovava nel maggio 2019, investire su Brent e WTI è possibile senza il timore di compiere un azzardo, ma con il ragionevole obiettivo di ottenere un buon rendimento con un rischio moderato.

Chi insegue il gusto del brivido può continuare a operare con ETF o ETC, strumenti che replicano le quotazioni del petrolio del Texas o del Mare del Nord. Ma a nostro parere, in un quadro di stabilizzazione dei prezzi del barile è più interessante andare a scegliere in Borsa alcuni titoli di società legate al petrolio che, dopo avere sofferto un tremendo 2020, corrono ora da protagoniste nel nuovo scenario mondiale…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play