8 Settembre 2020

WallStreet arretra, petrolio in forte calo

di La redazione

Nikola guadagna il 30% dopo l'accordo con GM

 

Wall Street arretra. Il Nasdaq è in calo del 3%. Meno ampio il ribasso del Dow Jones, -1,6%. S&P500 -2%.

Il rendimento del Treasury Note a dieci anni si attesta a +0,68%, -4 punti.

Euro dollaro al sesto giorno consecutivo di ribasso a 1,179.

Negli Stati Uniti sta entrando nel vivo la campagna elettorale per la Casa Bianca. Ieri sera Donald Trump ha calcato la mano sul tema delle aziende che spostano la produzione in Cina, un tema che lo aveva molto aiutato nel 2016.

Il petrolio Brent perde il 4% a 40,2 dollari il barile. Il WTI segna un calo del 6% a 37,2 dollari. Siamo sui livelli di giugno. Bloomberg riporta che solo quattro raffinerie asiatiche, su dieci interpellate in un sondaggio, intendono aumentare gli acquisti di greggio dell’Arabia Saudita.

Il Labor Day, la festività di ieri, chiude la driving season, la stagione dei viaggi e degli spostamenti che porta di solito ad un aumento della domanda. Gli analisti temono una risalita delle scorte di carburante…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play