20 Febbraio 2020

No degli azionisti storici di Ubi a Intesa Sanpaolo

di Elisa Mazzotta

Il patto di consultazione boccia la proposta. Carlo Messina ha già messo le mani avanti sostenendo che la banca non intende rilanciare.

 

“Ostile e inaccettabile” l’offerta di Intesa Sanpaolo per Ubi. A dichiararlo è il nocciolo duro dei soci storici di Ubi. Il secco no è arrivato oggi al termine della riunione del patto di consultazione (Car) che raccoglie il 17,8% del capitale. In una nota diffusa i soci del Car sottolineano che l’offerta di Intesa Sanpaolo affiancata dal gruppo Unipol “come prospettata appare ostile, non concordata, non coerente con i valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile”.

Il prezzo dell’offerta in azioni, nonostante offra un generoso premio, costringerebbe molti di loro a diluirsi in modo netto nel nuovo gruppo bancario rispetto alla quota posseduta al momento. Motivo per cui non la ritengono adeguata. E si dicono disposti ad aumentare la loro quota per provare a reagire.

L’accordo di consultazione tra azionisti storici di Ubi raccolto sotto il nome di Car è stato sottoscritto nel settembre scorso. Vi aderiscono la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo (primo azionista…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play