16 Marzo 2020

Perchè i mercati andavano fermati

di Gianluca Parenti

Non è mai troppo tardi. Non succederà nulla di peggio. Le aziende funzionano anche se non sono quotate. L’economia, nel breve periodo, funziona anche se i mercati sono chiusi.

 

C’è, o meglio c’era, una preoccupazione latente nella società civile prima del Coronavirus. I valori.

Quante volte, con il senno di poi comunque troppe poche, ci siamo interrogati sulla mancanza di quelli che vengono definiti i “principi” che stanno alla base della convivenza civile. Ma abbiamo sempre tirato avanti velocemente, incuranti delle crescenti ineguaglianze sociali, del crescente individualismo, della crescente mancanza di valori di riferimento. Eccetto per uno: la crescita. Anch’essa è un valore di riferimento: se si cresce tutti potranno stare meglio e quindi è giusto essere protesi verso lo sviluppo.

La crescita, nelle economie occidentali e non, capitalistiche e para-capitalistiche, è scandita da un paio di indicatori: il PIL e l’indice di Borsa. S&P docet. A volte, è proprio per difendere questo valore che occorrerebbe fermarsi un attimo.

Finora le istituzioni e i Governi nel mondo hanno fermato tutto, eccetto i mercati. Le Borse devono…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play