20 Marzo 2020

UNIDATA – Il digitale si salva dalla tempesta

di Fabrizio Barini

L’IPO di Unidata è stata un mix di incoscienza e determinazione, che alla fine ha confermata il detto: “la fortuna aiuta gli audaci”...

 

Un raggio di sole nella tempesta. Potrebbe essere questo il ricordo che conserveranno gli investitori di Unidata, prima matricola del 2020, che ha debuttato in Borsa in piena crisi pandemica da Covid-19. La campanella è suonata il 16 marzo: lunedì nero in Piazza Affari che ha chiuso la seduta in ribasso di oltre il 6% (dopo avere perso sino all’11%). Unidata ha invece terminato le contrattazioni con un rialzo del 5% sul prezzo di quotazione di 13 euro. E la corsa è proseguita nei giorni successivi sino al massimo di 17,55 euro, +35%.

L’IPO di Unidata è stata un mix di incoscienza e determinazione, che alla fine ha confermata il detto: “la fortuna aiuta gli audaci”. Ne è consapevole Renato Brunetti, Presidente della società che ha parlato con gli analisti di TIE The Intermonte Eye: «non ci siamo fermati nel percorso di quotazione, pur con qualche incoscienza, poiché il processo era avviato e la raccolta conclusa. Non avevamo ragioni valide per fermare tutto….

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play