10 Marzo 2020

Utility: un buon affare per rimanere a galla dopo i recenti cali

di Elisa Mazzotta

Il certificate stacca cedole condizionate trimestrali del 2% se Enel e E.ON non perderanno, alle date di valutazione, oltre il 30% dal livello iniziale. Durata tre anni con effetto memoria e possibilità di rimborso anticipato da agosto 2020. La protezione del capitale a scadenza è pari al 70%.

 

Tempesta perfetta sulle Borse colpite ieri dall’epidemia da coronavirus e il crollo del petrolio. Oggi i listini provano a rialzare la testa.  Milano guadagna un timido +1,7% dopo il -9, Il petrolio rimbalza del 9%.

Il ministro dell’Energia russo, Aleksander Novak, ha dichiarato che “nuove riunioni sono in programma per i mesi di maggio e giugno. Il fatto che l’accordo non sia stato esteso oltre il primo aprile non significa che cesserà la nostra cooperazione con i paesi aderenti all’Opec”.

Nel calo generalizzato di questi giorni siamo andati a cercare con il lumicino i titoli che si difendono meglio e, anche stavolta come nelle tempeste passate, i grandi vincitori sono le utility, tradizionale comparto rifugio. Oggi Enel è in rialzo dello 0,61%, Terna +1,15% e Snam +1,45%.

Il panico spinge gli investitori a spostarsi verso quelle società che offrono servizi di cui è difficile rinunciare come, appunto, le utility da sempre più resilienti in caso di…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play