20 Gennaio 2022

WALLSTREET SALE, TEMPI DURI IN RUSSIA PER LE CRIPTO

di La redazione

Nasdaq +1,5%

 

In avvio di seduta è il Nasdaq a mettersi in evidenza a Wall Street, con un rialzo dell’1,5%. S&P500 +0,8%. Dow Jones + 0,7%.

Le nuove richieste settimanali di disoccupazione si sono attestate a 286mila, dato peggiore delle attese (225mila) della precedente settimana (231mila).

L’indice Fed di Filadelfia si è attestato a 23,2 punti, sopra le attese di 19, e al dato precedente di 15,4

Le vendite di case esistenti in dicembre hanno registrato un calo del 4,6% vs il -0,6% atteso.

Si sta assestando il mercato delle obbligazioni, l’origine del malessere che ha spinto ieri il Nasdaq in territorio di correzione. Il Treasury Note a dieci anni si porta a 1,83% di rendimento, da 1,86% di ieri. La curva dei tassi, per effetto degli acquisti che hanno privilegiato le scadenze più lunghe, si appiattisce: lo spread due anni – dieci anni, scende a 79 punti base.

Titoli sotto la lente a Wall Street

Microsoft +2%, potrebbe essere interessata all’acquisto di Electronic…

Richiedi un invito a T.I.E. per proseguire la lettura, è semplice e gratuito

Potrai conoscere le ultime notizie finanziarie in tempo reale, ricevere news all'orario che preferisci e accedere ai contenuti selezionati sulla base dei tuoi interessi.

Inoltre, potrai accedere ad approfondimenti riservati, soluzioni d’investimento ed entrare in contatto con la community italiana dei consulenti finanziari.

Scarica la nuova App The Intermonte Eye per essere sempre aggiornato

Download on the App Store Get it on Google Play